fbpx

Aggiornate le regole per gli italiani che rientrano dall’estero: in base all’ultimo Dpcm è previsto l’obbligo di sottoporsi a tampone rapido per chi torna da un Paese europeo effettuato 48 ore antecedenti alla partenza, da presentare al personale della compagnia aerea al momento dell’imbarco o agli addetti dei vettori ferroviari alle stazioni; obbligo di quarantena per gli italiani che rientrano da Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Thailandia.

In caso di mancata presentazione dell’attestazione relativa al test, si è sottoposti a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria.

Regole speciali per il Brasile: l’ordinanza del 16 gennaio stabilisce che è fatto divieto di ingresso nel nostro paese per tutti i soggetti che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Brasile. Le persone che si trovano nel territorio nazionale e che nei quattordici giorni antecedenti all’emanazione dell’ordinanza hanno soggiornato o transitato in Brasile, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicare immediatamente l’avvenuto ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e a sottoporsi a test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone.